Michelin al via del CIV 2016 con lo scudetto tricolore sulle tute

Michelin al via del CIV 2016 con lo scudetto tricolore sulle tute

Confermati i campioni Goi e Pirro, a Saltarelli si aggiungono Calia e Tamburini


Per l’ottavo anno consecutivo Michelin partecipa al Campionato Italiano Velocità (CIV) che scatta oggi venerdì 13 maggio all’Autodromo “P. Taruffi” di Vallelunga (Roma). Cinque i piloti schierati nella classe Superbike che, nelle ultime due stagioni, ha visto trionfare Michelin con Michele Pirro (2015) e Ivan Goi (2014), entrambi in sella alle Ducati – Barni Racing. Oltre ai due campioni, è stato confermato anche Simone Saltarelli, che rimane con il Team L.R. Corse ma passa alla guida di un’Aprilia RSV4 RF, mentre del tutto inedita è la collaborazione con il Team Nuova M2 Racing che schiera Roberto Tamburini e Kevin Calia, anche loro in sella alla performante quattro cilindri a V di casa Aprilia.
Utilizzerà pneumatici Michelin (anche se non corporate) un sesto pilota, Enzo Chiappello, manager della Nuova M2 Racing, che – a dispetto delle sue invidiabili 67 primavere – non rinuncerà a scendere in pista anche nel CIV 2016 come fa, ininterrottamente, dalla stagione 1981 avendo saltato, in 35 anni di carriera, una sola gara!
“Ci presentiamo al via della Superbike tricolore con una squadra ufficiale ancora più competitiva, adeguata al livello della categoria” dichiara Piero Taramasso, responsabile attività competizione moto Michelin. “Il primo, eccellente acquisto è la conferma della collaborazione con Barni Racing e con i due campioni Goi e Pirro. Il team è estremamente competitivo, conosce bene i pneumatici, possiamo solo migliorare. Del tutto nuova è la collaborazione con Aprilia: sapevamo che ci attendeva una prima fase di reciproca comprensione e adattamento, i test pre-campionato hanno mostrato notevoli progressi, contiamo di essere rapidamente competitivi”.
“Per quanto riguarda i materiali – afferma il manager – abbiamo proseguito il lavoro di sviluppo che ha riguardato sia l’anteriore che il posteriore”. “La Superbike italiana è cresciuta, sarà un campionato più equilibrato, di livello molto elevato.

In questa condizione, con soli cinque week end a disposizione, bisogna essere subito pronti ed evitare passi falsi. Occorre dunque la massima concentrazione per poter puntare in alto. Gli avversari meritano tutti il massimo rispetto – conclude Taramasso –, ma noi partiamo per confermarci al vertice della categoria”.
Marco Barnabò (Barni Racing): “Quest’anno il campionato italiano Superbike sarà particolarmente competitivo, per la presenza di piloti veloci ed esperti e di squadre ben attrezzate. Noi abbiamo lavorato in questa prospettiva, anzitutto confermando Michele e Ivan che sono dei professionisti, hanno già vinto, sono forti: continuare con due piloti che conosciamo e con i quali ci troviamo benissimo ci può garantire fin dall’inizio buoni risultati. Prosegue poi la collaborazione con Michelin, che si basa anzitutto sulla stima e la fiducia reciproche. Infine ci siamo dedicati con particolare impegno alla preparazione delle nostre Panigale: la moto non è stata più rinnovata, i limiti del regolamento Stock del CIV sono strettissimi, abbiamo dunque scelto un’opera di rifinitura, con soluzioni diverse sulla ciclistica che dovrebbero consentirci di sfruttarne al meglio le potenzialità. E’ più facile vincere la prima volta che riconfermarsi, sarà dunque più impegnativo rimanere al vertice ma noi faremo di tutto perché questo avvenga”.
Enzo Chiappello (Nuova M2 Racing): “La collaborazione con Michelin nasce dalla constatazione, maturata nel 2015, che questi pneumatici fanno veramente la differenza. Per ottenere il massimo richiedono collaudi attenti e prolungati, un’impostazione specifica della moto ed anche capacità di adattamento dei piloti. Ma poi ripagano ampiamente la scelta. Tamburini è per noi la novità di quest’anno mentre con Calia siamo già saliti sul podio della Superbike tricolore nel CIV 2014; con Aprilia il rapporto è invece maturo e va avanti ormai da sei stagioni. Lo schieramento della

top class è veramente di primissimo livello, con alcune case ufficiali e con piloti di grande valore, a cominciare da Pirro e Goi. Partiamo tutti per vincere, ma in questo contesto, l’affermazione potrebbe apparire eccessiva: il nostro obiettivo è dunque essere protagonisti, combattere per il podio e se poi si dovesse presentare l’occasione, non ci tireremo indietro!”.
Erik Levada (L.R. Corse): “La squadra è la stessa del 2015 ma, dopo essere stati storicamente legati a Ducati, siamo passati all’Aprilia con la RSV4 RF. Continua anche la collaborazione con Simone Saltarelli e con Michelin che, dal 2014, ci ha consentito di vincere la Master Cup e di salire due volte sul podio del CIV. La moto ha già raggiunto un livello di prestazioni molto elevato ma presenta ampi margini di miglioramento e Simone è estremamente motivato ed in gran forma. Gli ultimi test ce lo hanno confermato, il materiale portato da Michelin ha fatto veramente la differenza, crediamo nelle nostre possibilità e siamo convinti di poter puntare in alto. Collaborare con Michelin richiede professionalità ed una struttura ed un pacchetto tecnico che diano garanzie alla casa: siamo consapevoli dell’impegno e pronti ad onorarlo, magari a suon di risultati”.
Per la Superbike tricolore il programma di Vallelunga entrerà nel vivo con il primo turno di qualificazioni venerdì 13, alle 17.35. La sessione decisiva per lo schieramento di partenza si svolgerà sabato alle 10.00 mentre la prima gara del 2016 scatterà alle 14.50. Gara 2 si disputerà domenica alle 15.00 preceduta dal warm up della 9.20. La gare saranno trasmesse in diretta su SKY MotoGP HD (canale 208) e in live streaming da Sportube, accessibile dal sito civ.tv.


2016-05-14 - 6461