Michele Fattorini al top alla Rieti Terminillo con Speed Motor

Michele Fattorini al top alla Rieti Terminillo con  Speed Motor

MICHELE FATTORINI TIENE ALTO L’ONORE DELLA SPEED MOTOR SUL TERMINILLO CON IL TERZO POSTO ASSOLUTO SU OSELLA PA 2000. BENE ANCHE DANIELE PELOROSSO NELLA E1 ITALIA ED ERIC NICCHI FRA LE STORICHE


Un brillante Michele Fattorini torna sul podio nella 51esima edizione della Coppa Bruno Carotti, ottava prova del campionato italiano di velocità in montagna (Civm) 2015 disputatasi domenica 19 luglio sui 13 chilometri e 450 metri che da Rieti conducono alle pendici del Terminillo. Il 25enne umbro di Porano, valido portacolori della scuderia Speed Motor di Gubbio, ha conquistato il terzo posto assoluto in una fra le classiche più famose dell’automobilismo in salita e l’unica rimasta, assieme alla Trento-Bondone, sul tracciato lungo, anche se rispetto alla gara trentina ha tempi di percorrenza molto più veloci. Fattorini si è arreso soltanto ai due grandi rivali della specialità, il pluricampione Simone Faggioli e il suo antagonista Christian Merli, scesi abbondantemente sotto il muro dei 5 minuti; se Faggioli con la sua Norma M20 Fc è arrivato a 4’46”36, Merli ha contenuto il distacco a 7”29 con l’Osella Fa 30 Evo, dominando pur sempre il gruppo E2M. Dietro di loro, ecco il 5’04”23 della Osella Pa 2000 di Michele Fattorini, alla bella media di quasi 160 orari e inferiore di oltre 12” al tempo fatto registrare in prova, che lo aveva collocato al quarto posto, con davanti l’Osella Fa 30 del napoletano Pietro Nappi. Ma nella salita che contava, Fattorini ha espresso il meglio di se’, soffiando la terza piazza a Nappi, che al traguardo ha accusato un ritardo di quasi 5” (4”89 per l’esattezza) e, con ogni probabilità, stavolta Fattorini si sarebbe pure aggiudicato l’interessante sfida interna a livello di Under 25 con il cosentino Domenico Scola, che già in prova era finito alle spalle e che in gara si è dovuto ritirare nel tratto conclusivo a causa di un problema meccanico, ma i riscontri cronometrici lo davano con un tempo superiore di 4-5 secondi. Questo risultato significa per Fattorini anche seconda piazza di gruppo nella E2B, con Faggioli leader e vittoria nella classe 2000. “Che dire? Sono più che soddisfatto – ha commentato a caldo

Michele Fattorini – perché correre qui è sempre emozionante: l’ultima volta era stata un paio di anni fa e con questa Osella a posto è tutta un’altra musica”. Per ciò che riguarda le prestazioni degli altri piloti Speed Motor, 12esimo posto assoluto per Adolfo Bottura su Osella Fa 30 Zytek, autore di un onorevole 5’34”73 (per lui, sesto tempo di gruppo nella E2M e quinto in classe 3000) e terzo posto nella classe 2000 della E1 Italia per l’orvietano Daniele Pelorosso su Renault Clio Proto, preceduto dai forti Luigi Sambuco su Renault New Clio e da Ferdinando Cimarelli su Alfa Romeo 156. Infine, fra le auto storiche si è messo in evidenza l’eugubino Eric Nicchi con la sua inseparabile Alfa Romeo Giulia Super, terzo classificato nel II raggruppamento e primo nella classe 1300. Domenica prossima, tutti a Pieve Santo Stefano per la 43esima edizione dello Spino: la Speed Motor vuole presentarsi al gran completo. 19 luglio 2015


2015-07-19 - 39