Plamen Kralev Audi RS3 LMS del Kraf Racing

Plamen Kralev Audi RS3 LMS del Kraf Racing

Il pilota già protagonista nella scena internazionale GT, oltre che nella GP2 Asia Series e nel FIA F2 Championship, scende in pista nella serie tricolore con la stessa vettura con la quale è impegnato quest'anno nel FIA ETCC


Come già lo scorso anno nel Campionato Italiano Turismo, il TCR Italy Touring Car Championship si conferma arena attrattiva per i piloti stranieri. A partire dalla tappa inaugurale di scena il prossimo weekend ad Adria, Plamen Simeonov Kralev, questo il nome completo, farà il suo debutto tricolore nella serie riservata alle Turismo fino a due litri Turbo.

Il pilota bulgaro siederà al volante dell’Audi RS3 LMS del Kraf Racing, la stessa vettura con la quale quest’anno si è già schierato al via del FIA ETCC nella tappa di Monza.

Degno di nota il curriculum vantato da Kralev, abituale protagonista della scena GT internazionale, prima di approdare nella GP2 Asia Series e nel FIA F2 Championship dal 2009 al 2012 e poi nel FIA ETCC nel 2014 con una BMW 320si S2000-TC2. Dopo lo stop dell’anno successivo, quest’anno è di nuovo in casco e tuta.

“Questo è il nostro primo anno con una vettura TCR - spiega Krassimir Todorov, responsabile del Kraf Racing – ed abbiamo pianificato di partecipare a più tappe possibili del TCR Italy con la stessa Audi RS3 con la quale siamo impegnati nel FIA ETCC. Il nostro interesse nel Campionato Italiano nasce dal fatto che i piloti italiani sono apprezzati nel mondo per le loro capacità e siamo sicuri che questo siano uno dei campionati TCR più impegnativo. Prima di questa stagione Plamen ha corso la sua ultima gara nel 2014 nell’ETTC. Se vogliamo questo è un nuovo inizio per lui”.

L’appuntamento in pista è domani con le prove libere alle 16.00 ed alle 18.30, mentre sabato sarà la volta delle prove ufficiali alle 10.50 e di gara 1 alle 18.10. Domenica gara 2 alle 10.30. Le due gare, entrambe da 25 minuti + 1 giro, saranno in diretta TV su Sportitalia (dgt 60 SKY225) e livestreaming su www.acisport.it.


2017-05-06 - 13305