Tour del Corse da incorniciare per Mauro Miele

Tour del Corse da incorniciare per  Mauro Miele

Si è conclusa positivamente l’avventura al Tour del Corse di Mauro Miele e Luca Beltrame che sulla Citroen DS3 Wrc della Dream One Racing hanno chiuso in 16° posizione assoluta realizzando un sogno e centrando gli obiettivi prefissati


Nelle classifiche ufficiali del Tour de Corse il loro nome campeggia, scintillante, in sedicesima posizione assoluta. Mauro Miele e Luca Beltrame arrivano sul palco finale allargando le braccia in segno di saluto ma anche in segno di riconoscenza: la gioia e le emozioni provate nel lungo fine settimana còrso sono difficilmente descrivibili ma resteranno scolpite per sempre grazie d un’isola magica e ai suoi tifosi.
“Sono arrivato a 62 anni coltivando il sogno di correre almeno una volta nel mondiale rally: nella mia carriera ho gareggiato in più ambiti: dalla pista al motocross, dal fuoristada ai rally e tra le tante soddisfazioni che mi sono preso sentivo che una esperienza tra i “grandi” mi mancava. E’ andato tutto per il verso giusto e anche fin oltre le più rosee aspettative vista la 16° piazza finale.” Inizia così il racconto di Mauro Miele.
“Abbiamo puntato a fare una gara regolare senza forzare i ritmi visto che tanto non potevamo avere “logiche” di classifica. Dall’idea iniziale di stare nei 5” al chilometro dagli ufficiali siamo passati presto ai 3”5/4 fino ad arrivare nella lunga prova da 55 chilometri ai 3”. Questo è stato il nostro successo e ne siamo orgogliosi!”
Nonostante ciò sono state innumerevoli le difficoltà riscontrate dal pilota della Top Rally e dal navigatore alessandrino. Innanzitutto per via degli pneumatici ufficiali che,

gareggiando con una World Rally Car, dovevano essere per forza quelli delle Wrc Plus con carcassa molto dura: “Non siamo abituati a questo tipo di gomme che impiegano molto tempo a scaldare. Per dare un’idea basti pensare che per disputare 330 chilometri di speciali abbiamo utilizzato solo dodici gomme: una sciocchezza!”
Ancora Miele: “le prove speciali sono bellissime ma altrettanto difficili: è inimmaginabile pensare dove i piloti ufficiali possano passare soprattutto a quelle velocità: i detriti trovati in mezzo alla strada hanno reso tutto molto più difficile ma la nostra DS3 è stata perfetta e non abbiamo sostituito nemmeno una vite!”

In merito al risultato finale il gentlemen driver portacolori della scuderia Top Rally ha aggiunto: “Sono contento perché alla vigilia speravo di entrare nella Top 20 ma mai avrei pensato di finire addirittura 16° e con questi distacchi parziali. Poi non pensavo fosse così divertente far le prove da oltre cinquanta chilometri: certo, per me fisicamente è stato impegnativo perché preparare una gara del genere con soli due passaggi non è uno scherzo ma noi ci eravamo attrezzati con un cameracar nelle ricognizioni che abbiamo utilizzato per perfezionare le note. In generale è stata un’esperienza fantastica che ho condiviso con persone fantastiche: ci tengo a ringraziare tutti i ragazzi della Dream One Racing, il

navigatore Luca, gli sponsor e la mia famiglia che era al seguito. Adesso però… non vedo l’ora di pianificare un’altra esperienza mondiale!”


2018-04-16 - 5861


Tour del Corse Mauro Miele