De Barba salva Xmotors al Valli della Carnia

De Barba salva Xmotors al Valli della Carnia

La scuderia di Montebelluna gioisce grazie al successo del pilota di Limana. Sandel, Vian e Bonfadini costretti ad alzare bandiera bianca nelle prime battute di gara


Rally Valli della Carnia disastroso per Xmotors che fa rientro, nel quartier generale di Montebelluna, con uno score che recita tre ritiri ed una vittoria, quest'ultima conseguita da uno spettacolare De Barba, autore di una lotta sul filo dei secondi in N2, per tutta la durata dell'evento. Prima stagionale da dimenticare in fretta per Fabio Sandel, affiancato in extremis da Omar Scussat alle note, che si è visto costretto a parcheggiare la Ford Fiesta R5, ex tricolore con Giandomenico Basso nel 2016, al termine della prima frazione di gara. Pronti, via e già ad inizio del “Passo Pura” l'attenzione del pilota di Miane veniva catturata dall'accensione, intermittente, della spia dell'acqua, così come sulla successiva “Voltois”. Durante la service area lo staff di Assoclub Motorsport, che cura la parte tecnica delle vetture Xmotors, non rilevava anomalie alla trazione integrale di casa Ford ma, nella ripetizione delle due speciali, il ripresentarsi dell'allarme induceva Sandel ad abbandonare la compagnia. Partenza a testa bassa per Massimo Vian, in coppia con il fido Alessandro Gaio, che ha dimostrato sin dalla prima frazione, del Sabato, di trovarsi a proprio agio sui veloci e tecnici asfalti carnici ed il cresciuto affiatamento con la Ford Fiesta R5. Dopo due quarti ed un terzo tempo assoluto il mianese si metteva alla caccia del terzo gradino del podio, prima che una toccata all'anteriore sinistro sulla seconda “Voltois”, scivolando sull'olio lasciato da un altro concorrente, lo allontanasse dalla vetta. I postumi della divagazione serale, con un tubo dell'intercooler rovinato, si traducevano in un vistoso calo di potenza sulla “Feltrone” e, sulla successiva “Verzegnis”, la situazione spingeva il trevigiano a fermarsi, nell'intento di evitare danni peggiori. Altro boccone amaro da digerire per il sodalizio di Montebelluna è certamente il ritiro di Manuel Bonfadini, titolare di Assoclub Motorsport, tornato al volante della propria Peugeot 106 gruppo A, in

configurazione K10. Affiancato dalla locale Valentina Gentilini, alle note, il pilota di Monselice ha ricevuto il primo avvertimento già in apertura di serata, sotto forma di un anomalo rumore proveniente dalla trasmissione. Usciti dalla “Passo Pura” tutto sembrava rientrare nella normalità ma, a pochi chilometri dal via della “Voltois”, il cedimento della coppia conica bloccava di colpo il cambio, costringendo l'equipaggio di Xmotors ad arrendersi, senza alcuna possibilità di replica. A salvare la disfatta ci ha pensato un favoloso Matteo De Barba, con Manuel Menegon alle note, che ha firmato la vittoria in classe N2, complice anche qualche errore della concorrenza. Il pilota di Limana, in provincia di Belluno, alla guida della sempreverde Peugeot 106, ha messo in scena una lotta, sul filo dei secondi, con Dall'Ò: vincendo quattro prove speciali, sulle dieci disputate, il portacolori di Xmotors è stato autore di una spettacolare rimonta, dopo un avvio un po' dormiente, culminata nel sorpasso a due soli tratti cronometrati dall'arrivo. Tanta la soddisfazione per il raggiante De Barba che, dopo una lunga latitanza dall'abitacolo, ha dimostrato tutto il proprio indubbio valore, salendo sul terzo gradino del podio in gruppo N.


2018-07-12 - 958

De Barba Xmotors

De Barba Valli della Carnia