Balletti Motorsport: l’amaro diventa dolce al Rally Campagnolo

Balletti Motorsport: l’amaro diventa dolce al Rally Campagnolo

Salvini, secondo, e Sbalchiero quinto, nel rally vicentino che una volta di più si è dimostrato tecnico e difficile mettendo a dura prova mezzi e piloti. Il risultato della gara ripaga delle amarezze alle verifiche


Rally Campagnolo dai due volti quello che si è di recente svolto, per la Balletti Motorsport. Un amaro pre-gara nel quale una controversia tecnico-burocratica non ha permesso di superare le verifiche all’Audi Quattro Gruppo B che Andrea Smiderle ed Alberto Bordin dovevano portare in gara; una situazione che, diventata ora paradossale, “avrà sviluppi futuri in altre sedi nelle quali Balletti Motorsport farà valere le proprie ragioni senza cadere nel tranello delle provocazioni e delle insinuazioni” come hanno ribadito i fratelli Carmelo e Mario Balletti!
Smaltita l’amarezza del pre-gara, la squadra è tornata al proprio lavoro che è stato premiato sul campo coi due equipaggi regolarmente partiti. Alla sua decima partecipazione consecutiva alla gara vicentina, Alberto Salvini in coppia con Davide Tagliaferri è autore di una più che positiva prestazione che lo vede salire per la quarta volta sul secondo gradino del podio assoluto, oltre che di classe e di Raggruppamento. Per il pilota senese una buona prima parte di gara con un netto miglioramento nella seconda nel corso della quale ha siglato il miglior tempo in due prove speciali con la sua Porsche 911 RSR Gruppo 4; va sottolineato che a differenza della maggior parte dei piloti di vertice, Salvini dallo scorso ottobre era risalito in auto solo al Vallate Aretine percorrendo poco meno di metà gara e quindi con pochi chilometri di gara all'attivo nelle quali riesce sempre a dimostrare le proprie doti velocistiche.
Ancor più di Salvini, per Nereo Sbalchiero la lontananza dalle vetture da corsa ha il suo peso: il gentleman driver locale da qualche anno infatti, corre soltanto il Rally Campagnolo e anche in quest'occasione, affidandosi alla Porsche 911 SC/RS Gruppo 4 ha dovuto faticare un po' per esprimersi al meglio soffrendo anche l'elevata temperatura atmosferica che nei giorni di gara ha avuto una decisa impennata. Prova dopo prova, Sbalchiero ha aumentato l’affiatamento col performante

mezzo risalendo fino alla quinta piazza assoluta coronata dalla vittoria del 3° Raggruppamento condivisa con Alberto Ferracin che lo ha navigato.


2016-06-01 - 10179