Stefano Martinelli alla vigilia del 36° Rally Due Valli

Stefano Martinelli alla vigilia del 36° Rally Due Valli

Ultima gara della stagione, Campionato Italiano R1 e Suzuki Rally Trophy già chiusi ma c'è un secondo posto da difendere per il toscano Martinelli: "Correrò con la mente libera, ma gli avversari non avranno vita facile”. Anche al Rally Due Valli 2018 l'Aism sarà insieme al pilota di Barga


È l’ultima gara di una stagione a tratti difficile ma straordinaria, il 12-13 ottobre come di consueto sarà il Rally Due Valli a chiudere un campionato di cui però è già stato scritto il destino. Tuttavia il secondo posto ormai annunciato dietro al bravo e giovane Cogni non rappresenta una distrazione per Stefano Martinelli, che preparerà come sempre la gara per tornare a casa con il miglior risultato possibile.
La competizione entrerà nel vivo subito, già dalla Prova Speciale di Erbezzo del venerdì, la prima oltre che la più lunga di tutto il Rally Due Valli 2018, che poi passerà all’interno della città di Verona prima di proseguire con altre Prove Speciali ricche di storia e di complessità, una su tutte quella della Santissima Trinità.
“Sono ormai quattro anni che partecipo a questa gara, la prima volta fu nel 2015 e proprio qui a Verona conquistai il mio primo podio nel CIR. Conosco abbastanza bene il Rally Due Valli e le sue insidie: molte curve e grande alternanza di tratti stretti a tratti più veloci; l’asfalto ha tanto grip se asciutto, ma diventa scivoloso al primo accenno di pioggia. Speriamo ci sia sempre il sole perché bisogna già pensare all’umidità generata dalle diverse zone boscose che attraversa il percorso”.
Il secondo posto in campionato è una posizione che lascia l’amaro in bocca soprattutto se si pensa ai progressi fatti in così poco tempo sulla Suzuki Swift 1.0 Boosterjet, ma per quest’ultima gara, valida sia per il Campionato Italiano Rally R1 che per il Suzuki Rally Trophy, il pilota di Barga farà affidamento sulla Suzuki Swift 1.6:
“Abbiamo deciso di finire l’anno con la gloriosa Suzuki Swift 1.6, vettura che ci ha sempre regalato tante soddisfazioni. Credo di aver ripreso confidenza con la macchina dopo l’ultima “battaglia” combattuta sulla terra dell’Adriatico, qui sull’asfalto dovrebbe venir tutto più automatico e per questo credo di poter fare una buona gara”.
Prima di andare meritatamente a riposo, Stefano

Martinelli, la navigatrice Sara Baldacci e tutto il team Gliese Engineering Motorsport faranno l’ultimo sprint per chiudere al meglio un anno fatto di fatiche e di gioie, tutte sempre in condivisione:
“Anche se i campionati sono già chiusi, non andremo al Due Valli per fare una passeggiata di piacere. Gli avversari sono tanti e vogliamo difendere il secondo posto nel Campionato Italiano Rally R1 e nel Suzuki Rally Trophy; correremo con la mente libera, vogliamo divertirci ma sempre onorando al massimo la gara e gli altri piloti".
L’ultima sfilata stagionale del pilota toscano partirà venerdì pomeriggio dalla centrale Piazza Bra, fino a concludersi sabato sera sempre sotto lo sguardo attento dell’Arena di Verona e di tutto il pubblico veronese. Con il sorriso e con la sua immancabile carica agonistica, così Stefano Martinelli ha deciso di affrontare il 36° Rally Due Valli.


2018-10-11 - 1322

Stefano Martinelli

Rally Due Valli
Suzuki
Martinelli Suzuki
Martinelli Rally