Sanremo ridà morale e fiducia a Trevisani

Sanremo ridà morale e fiducia a Trevisani

Nessuna stecca al festival del rally per il driver bresciano che ha guidato senza forzare volendo finalmente raggiungere il traguardo dopo due ritiri consecutivi.


Non è mai facile per nessuno affrontare il Rallye di Sanremo, una delle prove più prestigiose, impegnative e selettive del panorama tricolore, che lo scorso fine settimana ha celebrato la sua 66. edizione. Figurarsi per Jacopo Trevisani, il quale nella città dei fiori aveva collezionato sinora solo due ritiri a muso duro (2014 e 2015) e veniva da due ritiri consecutivi in questo inizio di stagione (Ciocco e 1000 Miglia). Comprensibile quindi una condotta di gara senza forzare, attento a non commettere errori e condurre in porto la Peugeot 208 R2 di GF Racing griffata HP Sport, assieme alla navigatrice Alessia Muffolini. Risultato: 24. assoluto, 4. posto nella graduatoria del Cir 2 ruote motrici e del trofeo Peugeot 208 Rally Cup Top. “A dire il vero la mia corsa non è stata esaltante – ammette Trevisani – anche a causa delle bizze del meteo che continuava a cambiare. Non abbiamo mai azzeccato la scelta di gomme in tutto il weekend e personalmente non ho un ottimo rapporto con questa competizione, tenuto conto di aver dovuto abbandonare nelle mie precedenti partecipazioni per due picchiate. Per la prima volta ho visto il palco d’arrivo a Sanremo e questa è già una buona cosa, mi sono messo alle spalle pure le delusioni al Ciocco e al 1000 Miglia. In fin dei conti il bilancio finale in Liguria è abbastanza positivo, abbiamo incamerato i primi punti di stagione e possiamo guardare con ritrovata fiducia ai prossimi impegni. Ringrazio GF Racing e HP Sport per il supporto e Alessia per la sua bravura. Ora ci aspetta un periodo di pausa dove spero di riuscire a tenermi in allenamento con qualche prova extra fino a Roma che sarà il prossimo appuntamento Peugeot a luglio”.


2019-04-19 - 3594