Missione compiuta per Peccenini in Ultimate Cup a Digione

Missione compiuta per Peccenini in Ultimate Cup a Digione

Grazie al tris di podi (uno sul bagnato di gara 3) conquistato nel secondo round della serie europea, il pilota milanese della TS Corse balza al comando della classifica del Trofeo Gentleman Driver sulla F.Renault 2.0: “Weekend di grandi battaglie nel quale abbiamo massimizzato il risultato, ora testa all'appuntamento dello Slovakia Ring dove saremo all'esordio assoluto”


Pietro Peccenini esce vincitore ai punti dal “ring” del circuito di Digione, dove nel weekend ha disputato il secondo round dell'Ultimate Cup Series al volante della Formula Renault 2.0 della TS Corse. Tre i podi conquistati in altrettante gare dall'appassionato driver milanese, che grazie a questi risultati è balzato in testa alla classifica del Trofeo Gentleman Driver della serie internazionale, nella quale ora occupa anche la quinta posizione assoluta nel campionato dedicato alle monoposto. Reduce da un ottimo weekend inaugurale a Estoril il mese scorso, nell'appuntamento francese il portacolori della scuderia lombarda diretta da Stefano Turchetto è tornato in pista dimostrandosi ancora una volta competitivo fin dalle prove libere, quando ha fatto segnare il miglior tempo assoluto nella giornata di giovedì. Poi due gare all'attacco al venerdì, con un secondo e un terzo posto di categoria ulteriormente impreziositi al sabato: in una bagnata gara 3 Pietro ha di nuovo conquistato il terzo gradino del podio evitando tutte le insidie portate dal meteo.

Peccenini dichiara dopo i numerosi duelli vissuti a Digione: “Abbiamo raggiunto l'obiettivo che ci eravamo prefissati tornando dalla prima trasferta francese della stagione con il primo posto in graduatoria. Su queste piste i rivali transalpini sono sempre competitivi, ma anche stavolta non ci siamo fatti trovare impreparati. La monoposto era perfetta e il lavoro svolto dal team è stato impeccabile. In gara 1 abbiamo combattuto con diversi piloti e abbiamo battagliato molto bene e anche in gara 2 abbiamo provato a vincere, solo un doppiato non ci ha permesso di fare meglio. Viste le condizioni da bagnato, in gara 3 ho invece optato per una strategia più attendista. I campionati si vincono anche con tattiche più 'da ragioniere' e il risultato finale ci ha dato appunto ragione. Resta pure la soddisfazione della 'pole position' di giovedì, ma la stagione è ancora lunga: la testa è già al prossimo impegno dello

Slovakia Ring, tracciato sul quale saremo all'esordio assoluto in gara”.


2019-04-28 - 10585