Chiusura di stagione in crescendo per Giacomo Bianchi a Monza

Chiusura di stagione in crescendo per Giacomo Bianchi a Monza


Si è chiusa con una rimonta di ben 16 posizioni la stagione 2016 di Giacomo Bianchi. Protagonista con Jenzer Motorsport nella serie Italiana e Tedesca della Formula 4, il ticinese è stato protagonista questo fine settimana dell’ultimo appuntamento della serie tricolore per l’atto finale a Monza, che lo ha visto in gara 3 recuperare dalla ventottesima piazzola di partenza sino alla dodicesima sotto la bandiera a scacchi. Il week-end si era aperto con una positiva prova nelle qualifiche di sabato pomeriggio, senza poter godere di particolari scie sui lunghi rettifili monzesi, Bianchi si era rispettivamente qualificato nei due turni quattordicesimo e sedicesimo. Non molto fortunate a dire il vero le prime due corse in programma nella mattinata di domenica entrambe, perché caratterizzate da contatti con gli avversari. Nella prima manche Giacomo era partito bene recuperando posizioni al via e nel traffico delle prime curve, occupando già l’ottava posizione nel terzo passaggio, ma poco dopo è stato colpito dal compagno di squadra Ciantini alla frenata della Prima Variante, riportando la foratura del pneumatico posteriore destro. Dovendo percorrere praticamente un’intera tornata su tre ruote, ed effettuando una sosta per sostituire la gomma, la gara di Giacomo è terminata in diciottesima piazza, doppiato di un giro dal vincitore Mick Schumacher.

Nella seconda mance invece pochi metri dopo la partenza alla Roggia si è trovato un avversario in testacoda davanti senza poterlo evitare. Ripartito dopo oltre un minuto grazie al supporto dei commissari che hanno aiutato a liberare le due Tatuus incastrate, Giacomo ha dovuto anche compiere un pit-stop per togliere uno spoiler danneggiato, come richiesto dal commissario tecnico.

Giacomo Bianchi “Sicuramente è stato un finale di stagione molto intenso. Tre gare in un solo giorno sono divertenti dal punto di vista della guida, ma oggi sono state quasi un inferno. Essere colpiti da un compagno di

squadra è forse la peggior cosa che possa succederti, ma comunque è parte dei giochi. Nella seconda corsa, quando già avevo quasi un minuto di ritardo, mi è stata esposta la bandiera nera con bollo arancione che mi ha costretto a fermarmi per togliere il pezzo danneggiatosi nel contatto. Almeno mi sono molto divertito in Gara-3 dove da 28° sulla griglia ho ottenuto il 12° posto finale. Ringrazio il team Jenzer per questa stagione, con una vettura che in Gara-1, nonostante doppiata, teneva il passo di Schumacher. Grazie anche al mio coach-driver Alex Fontana, che non è potuto essere con me in questa occasione ma che mi ha aiutato anche dalla Cina dove è ora impegnato, alla mia famiglia e ai miei amici che mi sono stati vicini soprattutto in questa che è un po’ come una gara di casa. Un pensiero speciale a tutti gli amici che sono venuti a tifare per me a Monza e soprattutto ai miei sponsor, senza i quali non sarei potuto essere qui”.


2016-11-04 - 12860

Giacomo Bianchi

Monza
Bianchi Fomula 4
Bianchi F4