La tempesta nel deserto non ferma i progressi di Marini e Baldassarri

La tempesta nel deserto non ferma i progressi di Marini e Baldassarri


L’inverno dei piloti del Forward Racing Team è stato impegnativo ma anche molto utile per prepararsi alla prima gara della nuova stagione in programma questo fine settimana in Qatar. Dopo un intenso programma di test in Spagna, Luca Marini e Lorenzo Baldassarri sono tornati in azione da venerdì a domenica sulla pista di Losail, su cui si correrà il primo Gran Premio dell’anno.

Il meteo, a causa della pioggia che ha fatto la sua comparsa sia venerdì sia oggi insieme al forte vento, ha ostacolato il programma di prove. Marini e Baldassarri hanno comunque potuto provare le proprie moto e raccogliere importanti indicazione sull’asfalto del Losail International Circuit, illuminato dalle luci artificiali, in condizioni simili a quelle che troveranno nel fine settimana di gara.

I portacolori del Forward Racing Team insieme della squadra sono riusciti a sfruttare al meglio il poco tempo a disposizione per verificare le proprie condizioni e costruire una solida base da cui partire nel primo turno di prove libere in programma giovedì prossimo. Nei tre giorni di test ufficiali in Qatar, Luca Marini ha completato 74 giri con il miglior tempo di 2:01.436, mentre Baldassarri ha segnato il suo crono più veloce in 1:02.035 e portato a termine 51 giri.

Luca Marini – 15° (2:01.436) “Sono contento al termine di questi ultimi tre giorni di test ufficiali in Qatar, anche se purtroppo non abbiamo potuto girare quanto avremmo voluto a causa delle condizioni meteorologiche. Siamo comunque riusciti a lavorare molto sulla moto, provando differenti cose, e alla fine abbiamo trovato una buona base da cui partire nel weekend di gara. Abbiamo provato un diverso forcellone e nuove sospensioni, come sempre ci sono stati aspetti molto positivi e altri meno, ma il bilancio finale mi rende soddisfatto. Possiamo dire di avere trovato un buon compromesso ma dobbiamo ancora lavorare, anche perché le condizioni della pista in

questi test non ci hanno permesso di girare in tempi vicini a quelli del Gran Premio dello scorso anno. Ora, dopo un buon inverno e dei test molto produttivi mi sento veramente pronto a iniziare il campionato fra pochi giorni qui a Losail.”

Lorenzo Baldassarri – 26° (2:02.035) “Innanzitutto, sono contento per le mie condizioni fisiche perché sono quasi al 100% della forma. Inoltre adesso avrò tre giorni di riposo che mi permetteranno di completare nel migliore dei modi il mio recupero. Questi test ufficiali in Qatar sono serviti per capire come stavo, non ho voluto esagerare e prendere rischi inutili, ma anche forzando nella guida non ho mai sentito dolore al braccio ed è la cosa più importante. Oggi, purtroppo, c’era molto vento e questo rendeva ancora maggiore lo sforzo fisico, per cui nel primo turno non ho spinto. Nella seconda sessione avevo intenzione di montare gomme nuove e di tentare di migliorare i miei tempi, ma purtroppo sono scivolato al primo giro a causa di una folata di vento improvvisa. Non ho riportato conseguenze, ma è stato un peccato perché ero curioso di scoprire il mio limite. Sono comunque certo che saremo pronti per la prima gara che partirà fra pochi giorni.”

Giovanni Cuzari - Team Owner “Onestamente, non vedo l’ora di dare il calcio d’inizio di questa nuova stagione fra pochi giorni. Qui a Doha, è stata la mia prima volta in circuito quest’anno e devo ammettere che sono più che orgoglioso del lavoro che ha fatto la mia squadra. Secondo me abbiamo fatto un enorme passo in avanti rispetto al 2016 e devo ringraziare tutti per averlo reso possibile. Dall’altra parte, non c’è bisogno di dire che questi tre giorni non sono andati secondo i programmi perché non ci saremmo mai aspettati che piovesse per due giorni nel bel mezzo del deserto. Abbiamo comunque avuto in inverno intenso, in cui abbiamo lavorato tanto in Spagna, e ci sentiamo molto

pronti per questo round di apertura. Aspetto con trepidazione questo fine settimana e i prossimi che verranno, sicuro che ci riserveranno molto emozioni


2017-03-20 - 2004

Baldassarri Moto2
La tempesta nel deserto non ferma i progressi di Marini e Baldassarri