Cronoscalata Monte Erice Merli Conticelli Cubeda e Leogrande sfida annunciata

Cronoscalata Monte Erice Merli Conticelli Cubeda e Leogrande sfida annunciata

Dopo le prove odierne domenica, 27 aprile alle 9.00 le due gare del primo appuntamento del Campionato Italiano Velocità Montagna organizzato dall'Auto


Scatterà domenica 27 aprile la 56^ Monte Erice la prova d'apertura del Campionato Italiano Velocità Montagna 2014 e Trofeo Italiano Velocità Montagna. La competizione è organizzata dall'Automobile Club di Trapani ed è diretta da Marco Cascino e Francesco Tartamella, che alle 9.00 di domani, daranno il via a gara 1 a cui seguirà gara 2 della prova inaugurale di C.I.V.M. e T.I.V.M.. Si sono svolte oggi le due salite di prova, su fondo umido e con meteo molto incerto, per permettere ai centoquattordici concorrenti al via di familiarizzare con il tracciato al volante delle auto da gara ed individuare le regolazioni più efficaci in vista della corsa contro il cronometro.

Durante le prove si sono comunque delineate quelle che saranno le sfide per i vertici della classifica assoluta ed anche per quelle di gruppo e classe. Christian Merli ha trovato immediatamente le migliori regolazioni per la sua Osella PA 2000 di gruppo E2/B, il trentino della Vimotorsport ha lavorato su particolari d'assetto dopo la prima salita per permettere agli pneumatici di lavorare con più efficacia. Buone prove per il pilota di casa Vincenzo Conticelli sulla Osella PA 30 Zytek, sulla quale l'esperto portacolori Catania Corse deve abituarsi innanzi tutto al cambio al volante. Prove di "studio" per il catanese Domenico Cubeda; anche per l'alfiere Cubeda Corse si tratta della prima volta con il cambio al volante sulla Osella PA 2000. Il potentino Achille Lombardi è al lavoro con il team per migliorare l'incisività dell'assetto della sua Radical SR4 con cui si è reso immediatamente protagonista della classe 1600 del gruppo E2/B. Soddisfatto del feeling con la Osella FA 30 Zytek di gruppo E2/M il pugliese della Fasano Corse Francesco Leogrande, il vincitore della Monte Erice 2012 guida per la prima volta la monoposto con nuovo telaio. Buon esordio sulla Formula Master per il driver

siciliano Giuseppe Castiglione, a cui sono bastati i Km della prima salita per trovare un ottimo feeling con la monoposto di classe 2000 ed inserirsi tra i protagonisti delle prove, come il catanese Orazio Maccarrone ha fatto con la Formula Gloria di classe 1600. In gruppo CN il duello sarà tutto tra l'esperto calabrese della Scuderia Vesuvio Rosario Iaquinta ed l'under di casa Francesco Conticelli, entrambi impegnati a lavorare sui particolari delle regolazioni per le rispettive Osella PA 21/S EVO Honda, adesso con cambio al volante. Mentre è in fase di adattamento il giovane etneo Giuseppe Corona al suo esordio sulla Osella PA 21/S. Per il gruppo GT il veneto di Superchallenge campione in carica Roberto Ragazzi, ha espresso soddisfazione sin dalla prima salita per la risposta della sua Ferrari 458. Non altrettanto contento del set up della F430 del Cavallino Bruno Jarach, mentre un testacoda ha fermato la prima salita del laziale "The Climber". Esordio sulla Lamborghini Gallardo in fase d'apprendistato per il siracusano della Rubicone Corse Ignazio Cannavò, che comunque ha dimostrato di saper progredire in fretta in vista delle due gare. Anche in gruppo E1 un testacoda ha tradito il partenopeo Piero Nappi sulla Ferrari 550, per cui a fare la voce grossa in prova con pieno merito è stato il preparatore messinese Salvatore Macrì con l'Alfa 147. Pronti all'assalto in gara ci sono Angelo Bonforte con la BMW M3 ed anche il lucano Carmine Tancredi con una Ford Escort eccessivamente sottosterzante.

In ottima evidenza i due rallisti di casa Bartolomeo Mistretta con la Peugeot 207 Super 2000 e Mauro Cacioppo con la Mitsubishi EVO X, rispettivamente di gruppo A e di gruppo N, per cui oltre al primato di categoria i due ambiranno al primato personale tra rallisti. In gruppo A Buone le prove per il Catanese della Scuderia Etna Salvatore D'Amico, anche se ancora deve ritrovare la piena intesa con la Renault New Clio dopo una stagione passata in

Racing Start. Per il gruppo N ad insidiare la vetta potrebbe essere anche un altro rallista trapanese, Umberto Lunardi ancora non a posto con il set up della Subaru Impreza, mentre in classe 1600 il piemontese detentore della Coppa 2013 Giovanni Regis è stato il miglior interprete del tracciato con la Peugeot 106 1.6 16V, ma il pugliese Giacomo Liuzzi sta sempre più prendendo familiarità con la Citroen Saxo sulla quale è appena salito. Il gruppo Racing Start si conferma una categoria sempre frizzante e dalle prestazioni in continua ascesa. Il pugliese di Fasano Oronzo Montanaro sembra aver trovato subito il buon feeling con la MINI Cooper S turbo, ma al giovane concittadino Ivan Pezzolla su vettura gemella è bastata una salita per interpretare bene il tracciato ericino, sul quale è all'esordio. Nella categoria delle vetture a motore aspirato è emerso subito il reatino Antonio Scappa con la Renault Ne Clio RS, ma dopo delle regolazioni di set up il pugliese Giovanni Angelini, anche lui su Renault New Clio RS, ha chiarito le sue intenzioni per la gara.


2014-04-26 - 5406