Il Rally Campagnolo, secondo round della serie Tricolore ACI

Il Rally Campagnolo, secondo round della serie Tricolore ACI


Al via della gara in programma questo fine settimana, anche la seconda tappa del Trofeo A 112 Abarth.

Venerdì 26 le Verifiche dalle ore 9, sabato 27 l'arrivo della gara, alle ore 19. Il Rally Campagnolo si esaurirà in 34 ore, in meno di due giorni; senza fronzoli e merletti, fuochi d'artificio o pailettes, ma tanta sostanza. Nove prove speciali, 86,69 chilometri cronometrati da classifica incastonati in un percorso che di strade asfaltate ne propone complessivamente per 340 chilometri. Il Rally Club Isola Vicentina tiene la barra dritta, non cambia una virgola della traiettoria che ogni anno, da otto a questa parte, porta al successo il Campagnolo. Centosessantacinque iscritti che saranno anche da suddividere nelle tre tipologie di gare allestite: Rally Auto Storiche, Rally Auto Classica e Regolarità Sport ma che costituiscono pur sempre un parterre schierato in rare occasioni della stagione.

Qualche pezzettino s'è perso per strada rispetto il 2012, ma le ottantotto adesioni alla seconda gara del Campionato Italiano Rally Auto Storiche sono un segno di apprezzata continuità nei confronti della serie. Ai blocchi di partenza della gara vicentina si presentano tutti i pretendenti ai titoli Tricolore 2013. Il valtellinese Lucio Da Zanche ha ben più d'un motivo per puntare alla vittoria nella gara veneta, dopo il ritiro al Sanremo per rottura della Porsche 911 Rsr è costretto ad una prova tutta d'attacco per rimontare il leader Matteo Musti. Sagacia e determinazione hanno contraddistinto la prestazione del pavese sull'insidioso asfalto ligure, ma ora deve confermare la competitività espressa al volante della Porsche 911 Sc e difendersi dai tanti che tenteranno di metterlo alle strette. Rientra in gara uno dei più attesi rallisti, quel "Lucky" che con la Ferrari 308 GTB promette grande spettacolo e competitività assoluta, ma il veneto non è l'unico a richiamare attenzione, anche Marco Savioli merita il

suo spazio. L'ex campione italiano rispolvera il volante della Porsche 911 Rsr e dopo due anni torna in una gara che facile non è. Tra gli indiziati nella rincorsa all'affermazione assoluta è il senese Alberto Salvini, protagonista nelle edizioni passate di exploit assoluti con la Porsche 911 ed è del tutto probabile che possano inserirsi nella lotta che conta anche il giovane bresciano Nicholas Montini, alla seconda uscita nell'Italiano con la coupè di Stoccarda, oppure il ternano Giampiero Carissimi, sempre con una vettura tedesca. Se Riccardo Andreis e Nicola Patuzzo sono i locali che possono guardare il traguardo con malcelata ambizione, l'alessandrino Andrea Zivian confida nella pioggia per poter dar battaglia con la trazione integrale della sua Audi Quattro Gruppo 4. E poi non bisogna dimenticare chi il Campagnolo, quello di una volta, lo ha vinto davvero come Antonillo Zordan o il veneto Giorgio Costenaro che riporta in gara la fantastica Lancia Stratos.

Rino Muradore, Dino Vicario, Maurizio Elia, Rino Righi sono gli annunciati protagonisti del Gruppo 2, tutti al volante delle Ford Escort e pronti a sfidarsi a suon di traversi. Spettacolo e prestazioni saranno garantiti al passaggio della Alfa Romeo 2000 guidata da Riccardo Bucci, o quella di Piergiorgio Barsanti. Mentre nel 1. Raggruppamento sarà l'alessandrino Luigi Capsoni a cercare il risultato vincente con la Alpine Renault A 110.

Il Rally Campagnolo è la seconda tappa del partecipato trofeo A112 Abarth. Spiccano le assenze del vincitore della prima gara, il perugino Sisani, ma anche altri attesi protagonisti come Nerobutto, Scremin, Zanotto e Panato, ma sono in diciotto gli iscritti ed è comunque annunciata una sfida di alto livello tra Droandi e Mearini che incroceranno le traiettorie con Lisa Meggiarin e Giorgio Santagiuliana, vincitore nel 2012. L'elenco propone poi Silvio Cavaliere, Giancarlo Nardi che fu presente anche al 1° Campagnolo del 1973 su Renault 8 Gordini!

Debutto stagionale anche per il "vintage" Ivano Scotti.

Il rally avrà inizio, domani, venerdì 26 con le verifiche dalle ore 9 presso la Concessionaria Abarth Fergia di Vicenza Est, la partenza della gara da Piazza Marconi di Isola Vicentina alle ore 21 e la disputa della prima prova speciale "Torreselle". Al termine del breve prologo le vetture sosteranno presso il parcheggio del Palasport di Isola Vicentina da dove sabato 27, alle ore 8.31, muoveranno per affrontare le quattro speciali che, ripetute, vanno a formare i nove tratti cronometrati. Si tratta di prove oramai classiche e collaudate, quali la "Gambugliano" di 11,52 chilometri, la "Recoaro" di 10,48, la "Altissimo" di 9,50 e la "Nogarole" che misura 8,62 chilometri. Il totale dei chilometri di speciali ammonta a 86,69 chilometri sui 340 totali. Oltre al riordino notturno se ne prevedono altri due: uno a Recoaro Terme ed un secondo presso il Palasport di Isola Vicentina.

Arrivo della prima vettura in Piazza Marconi alle ore 19


2013-04-25 - 370