Luca Artino e Titti Ghilardi con la Skoda Fabia S2000

Luca Artino e Titti Ghilardi con la Skoda Fabia S2000

Il pilota di Lamporecchio non lascia la Casa boema ed anzi, rilancia con la nuova Fabia R5 a partire dal Ciocco la settimana prossima. Programmata una stagione in Toscana ed in Coppa Italia seconda zona. Al suo fianco torna l’esperta Titti Ghilardi.


Un 2016 tutto nuovo guardando comunque al passato, per Luca Artino. Il giovane pilota di rally di Lamporecchio ha varato la sua stagione 2016 che sarà sempre in Skoda.
Con la Casa Boema, con la Fabia S2000, da due stagioni ha trovato ampie soddisfazioni arrivando, lo scorso anno a sfiorare il titolo della IV zona oltre ad ottenere tre vibranti successi al Ciocco “nazionale” del 2014 e 2015 ed al “Valdinievole” 2015 per cui quando si è trattato di scegliere la vettura per quest’anno la preferenza è ricaduta sulla Skoda, con il nuovo modello della Fabia R5.
La stagione sportiva di Artino sarà accompagnata dall’esperta copilota lucchese Titti Ghilardi, che durante lo prima parte dello scorso anno ha saputo ben indirizzare il driver verso una sistematica programmazione dell’attività, contribuendo al raggiungimento di risultati eccellenti
Sarà l’esemplare della svizzera Race Art Technology, ad accompagnare Artino nella sua nuova avventura sportiva, presentata ai primi del mese, che partirà dal prossimo 39° Rally del ciocco (18-20 marzo) per proseguire con un programma misto di rallies in Toscana a partire dal “Valdinievole” per poi proseguire anche con la Coppa Italia di seconda zona, nella quale due eventi sono in Toscana, il “Casentino” ed il “Città di Pistoia”.
Con la squadra elvetica Artino collabora dal 2014 e la joint ha certamente prodotto risultati di livello, consentendo una notevole crescita tecnica del pilota.
“La stagione che sta per avviarsi – commenta Artino – si annuncia ricca di argomenti. Il primo è il cambio di vettura, il secondo è il ritorno di Titti Ghilardi al mio fianco ed il terzo un programma articolato di gare, che spero possano darci soddisfazioni. Cercheremo, già dal Ciocco, di partire con il piede e con la marcia giusti, speriamo di poter trovare subito il miglior feeling con la vettura, che la Race Art ci

fornirà al massimo della condizione. Avremo avversari di valore, cercheremo di lottare con loro senza indugio, per gratificare l’impegno che tutto il team sta mettendo in questo programma, che io ritengo di alto livello”.
La gara del Ciocco si articolerà in due tappe con 17 prove speciali che si snodano tra mare e monti lungo una distanza cronometrata di 155,760 chilometri, a fronte di un totale di 698,880. Forte l’attesa per la prova spettacolo inaugurale della gara, prevista sul viale a mare di Forte dei Marmi venerdì 18 marzo, dopo la partenza da Viareggio (ore 18,30). Le sfide si accenderanno di fronte al pontile con una kermesse di alto contenuto spettacolare, poi la spina dorsale della gara si sposterà nei due giorni successivi nella Mediavalle ed in Garfagnana. Arrivo e premiazione, dalle 15,30, di domenica 20 marzo saranno nella suggestiva cornice della Rocca Ariostesca a Castelnuovo di Garfagnana.


2016-03-14 - 3461