Rally del Friuli Venezia Giulia per Pedro ed Emanuele Baldaccini

Rally del Friuli Venezia Giulia per Pedro ed Emanuele Baldaccini


“Pedro” ed Emanuele Baldaccini non si fermano mai, e per loro i motori sono sempre accesi… Nemmeno la pausa estiva del CiWRC ha tenuto lontano il pilota bresciano ed il navigatore toscano da prove speciali e controlli orari. I portacolori di Daytona Race e della Scuderia Car Racing per approfondire ulteriormente quello che offre il mercato sportivo di casa Hyundai hanno preso parte alla fine di luglio al 52° Rally Coppa Città di Lucca con la i20 R5: “Devo dire che questa vettura per me è stata una piacevole sorpresa - esordisce il pilota bresciano - la decisone di prendere parte al Rally Città di Lucca è stata presa all’ultimo momento, praticamente l’auto l’ho conosciuta al momento di salire sul palco partenza, questo però non mi ha impedito di prenderci subito confidenza e posizionarmi in seconda piazza assoluta fino a quando una foratura non mi ha rallentato facendomi perdere molto tempo, concludendo comunque poi la gara al quarto posto assoluto e secondo di classe.” Il motivo di questo risultato apparentemente così diverso dai problemi che “Pedro” sta incontrando nel Ci WRC è spiegato in modo abbastanza semplice….: “Mi sono divertito per tutta la durata di ogni prova speciale, non finivo di sorridere mentre correvo!” Scendendo più nel tecnico, la R5 utilizzata a Lucca è realizzata sulla scocca della WRC in versione 2016, decisamente diversa rispetto alla versione 2015 attualmente utilizzata da “Pedro” nel Campionato Italiano WRC. I vantaggi li spiega il pilota bresciano: “ La scocca “new generation” è realizzata sul telaio a 5 porte e permette di avere un’auto molto più guidabile e gestibile, ti consente di portarla quasi come una trazione posteriore ma senza perdere tempo anzi, ha un comportamento molto chiaro ed intuitivo che infonde molta scurezza.” Dopo questo positivo test, per i portacolori della Scuderia Car Racing e Daytona Race si aprono nuove prospettive sul loro futuro agonistico, ed a questo punto non è da escludere che prima della

fine della stagione possano esserci novità tecniche interessanti in vista della stagione 2018. Ora però per il 52° Rally del Friuli Venezia Giulia si torna si torna alla i20 WRC in versione 2015: “Ad Udine proveremo dei nuovi assetti, più vicini a quelli che a suo tempo venivano utilizzati nel mondiale, l’obiettivo è sempre quello di avere reazioni della vettura più controllabili e gestibili. La gara mi piace molto, quando correvo con le auto storiche l’ho vinta tre volte, tra cui l’ultima lo scorso anno, al di là della vettura utilizzata comunque noi daremo sempre il massimo.” Sempre per i colori della Scuderia Car Racing e Daytona Race saranno ai nastri di partenza Matteo Daprà e Fabio Andrian su Skoda Fabia Super 2000, autori di un ottima stagione che al momento li vede al comando della loro classe nella Michelin Rally Cup.


2017-08-24 - 8034