Il Campionato Italiano Trial Outdoor riparte da Gubbio: un nuovo inizio

Il Campionato Italiano Trial Outdoor riparte da Gubbio: un nuovo inizio

Scatta a Gubbio (PG) la stagione 2018 del CITO che segna una svolta per l'intero movimento: record di iscritti, interessanti novità ed una massiva esposizione mediatica volta a valorizzare e garantire una spinta propulsiva alla specialità


La splendida cornice di Gubbio (PG), gioiello di architettura medievale nella parte nord-est dell'Umbria, per sancire nel weekend del 24-25 marzo un nuovo inizio del Campionato Italiano Trial Outdoor (CITO). Superato un intenso inverno all'insegna di un costante e migliorativo rinnovamento in termini sportivi ed organizzativi, nel cuore dell'Italia la parola spasserà ai verdetti del primo appuntamento stagionale registrando un rimarchevole incremento nel numero degli iscritti (ben 117), molteplici tematiche d'interesse ed un'inedita impronta, sotto l'aspetto del marketing e comunicazione, volta a dare al Trial la visibilità che si merita. Un nuovo corso intrapreso dalla Federazione Motociclistica Italiana e dal Comitato Trial, con il ritorno al ruolo di coordinatore nazionale di Francesco Lunardini, pronto a raccogliere a Gubbio i primi frutti del lavoro finora compiuto in un 2018 all'insegna di numerose novità. L'aspetto sportivo, chiaramente, arricchirà il primo round in programma a Gubbio, suffragato dallo sforzo organizzativo del Moto Club Trial "Gas e Frizione" sotto la guida del Presidente Gabriele Notari. Il via ufficiale sabato con la Piazza dei 40 Martiri che ospiterà il Paddock e la partenza della prima tappa del CITO in un percorso tecnico, complessivamente di 8.200 metri, vero banco di prova per decretare gli inaugurali verdetti della stagione 2018.

Il Programma del CITO a Gubbio

Il percorso del Round 1 di Gubbio

117 ISCRITTI PER UN PRIMO ROUND DA RECORD

L'impegno profuso per la buona riuscita del primo appuntamento stagionale è stato sincerato dall'adesione record di ben 117 piloti regolarmente iscritti. Un dato in crescita rispetto ai 108 partenti registratisi nel primo round 2017, con la partecipazione di specialisti di comprovata esperienza internazionale ad impreziosire l'entry list. Nella classe regina TR1 Internazionale l'indiscusso riferimento si conferma Matteo Grattarola, a caccia dell'ottavo alloro

tricolore Outdoor consecutivo, questa volta intraprendendo una nuova sfida rappresentata dal passaggio al Sembenini NILS Montesa RedMoto Trial Team. Per l'originario della Valsassina una motivazione-extra per attestarsi ai vertici di una classe TR1 che alza l'asticella in termini di competitività assoluta e allarga sempre più i confini. Accanto a volti noti del panorama tricolore come Luca Petrella, Gianluca Tournour, Pietro Petrangeli, Giacomo Saleri, Francesco Iolitta, Stefano Garnero ed il rientrante Matteo Poli, a Gubbio saranno della partita due protagonisti del Trial internazionale: il britannico James Dabill (ufficiale Beta, 6° nel Mondiale 2017) ed il tedesco Max Faude, elementi imprescindibili che attestano l'esponenziale crescita e sviluppo della categoria.


2018-03-22 - 12147