Rally Adriatico Stefano Martinelli a caccia del sorpasso

Rally Adriatico Stefano Martinelli a caccia del sorpasso

Penultimo appuntamento del CIR R1, il campione di Barga si tuffa nel tentativo di ribaltare la classifica. "Si torna sulla Suzuki Swift 1.6, non possiamo fare errori se vogliamo tornare in testa”


Dopo la parentesi del Suzuki Rally Cup chiusa con la piccola sfumatura negativa del quarto posto ma con tante risposte positive, Stefano Martinelli torna a lottare per gli obiettivi “grossi”: il 25° Rally dell’Adriatico che si correrà nel week-end del 21-22 settembre, valido sia per il Campionato Italiano R1 che per il trofeo monomarca Suzuki Rally Trophy. Il campionato tricolore è apertissimo, ci sono solo 6 punti di distanza tra il pilota di Barga e la testa della classifica occupata da Giorgio Cogni, ma prima di sognare c’è un percorso da non prendere assolutamente sotto gamba. La tappa dell’Adriatico si svolgerà infatti su terra ed è qui che dovrà dare grande prova di sé la Suzuki Swif 1.6 che per questa gara prenderà il posto della “cugina” 1.0. Già nella giornata di venerdì i piloti saranno impegnati nella Superprova Speciale all’interno dello storico crossodromo di Cingoli, ma in totale saranno 14 le prove speciali su cui Stefano Martinelli e la sua “vecchia” Swift dovranno dare il massimo: “Il Rally dell’Adriatico mi piace molto ma conosco le difficoltà che nasconde, sulla terra è sempre tutto più complicato. Proprio per questo motivo abbiamo preferito tornare con la Swift 1.6, la vettura nuova è ancora troppo acerba per affrontare un percorso terroso, veloce e impegnativo come quello dell’Adriatico, soprattutto in un momento delicato della stagione come questo”. Le fatiche di fine campionato si iniziano a sentire, ma la testa del campione toscano deve mantenere alto il livello di concentrazione per lasciare aperte le porte della classifica e completare la rimonta: “Cercherò in tutti i modi di riacciuffare Giorgio Cogni e di strappargli la leadership nel Campionato Italiano dove abbiamo solo 6 punti di ritardo. La vedo più dura per quanto riguarda il Suzuki Rally Trophy, visto che i punti tra noi e lui sono ben 23, ma ho voglia di tornare a casa con un ottimo risultato a prescindere dalla competizione”. Sulla

terra e tra le curve dell’Adriatico Stefano Martinelli verrà accompagnato da Massimiliano Bosi, sarà lui a suonare le note per il pilota nella dura sfida contro gli altri equipaggi: “Ho concluso lo scorso campionato insieme a Max e quest’anno è stato al mio fianco negli inizi della Suzuki Cup, è inutile dire che mi fido molto di lui come navigatore e che tra noi c’è già una grande intesa. L’obiettivo è quello di tenere sempre un passo alto senza commettere alcun errore, ma sembra che ci siano tutti i presupposti per una bella gara". È il penultimo appuntamento di un campionato che finora si è rivelato avvincente ed equilibrato, allo stesso tempo il 25° Rally dell’Adriatico potrebbe rappresentare la vera svolta prima della volata finale del Due Valli e non saranno permessi errori. Il gap dal primo posto in classifica è minimo, insieme Stefano Martinelli, Massimiliano Bosi e tutto il team della Gliese Engineering Motorsport proveranno a ribaltarlo per incoronarsi nuovamente campioni.


2018-09-21 - 12694

Suzuki Rally Cup

Stefano Martinelli
Adriatico